EMANUELE ROVINI

emanuele rovini

EMANUELE ROVINI (Empoli) - Nato il 20 febbraio 1995 a Cecina (Livorno). Altezza 1.70. Piede naturale: sinistro. Ruolo: attaccante esterno.

Caratteristiche tecniche – Attaccante veloce, tecnico, gioca preferibilmente esterno in un modulo 4-3-3. Può tuttavia fare anche la seconda punta in un 4-4-2. Ha nel dribbling la sua arma migliore, ma non disdegna anche la fase di corsa e di progressione, data la sua capacità di trovare lo spazio.

Dove migliorare - Nella ricerca dello scambio, nella continuità  nel farsi trovare sempre nel vivo dell’azione.

Note personali - Inizia nella squadra del Palazzaccio a Cecina. Piccolo “profeta in patria”, dato che l’anno successivo al suo arrivo riesce a siglare il gol decisivo nel sentito derby contro il Livorno, regalando alla sua nuova squadra la Coppa Ciclamino 2008 nella finale disputata proprio allo Stadio Comunale di Cecina. Piccolo beniamino in ambito locale, nel 2009-10 ha militato nei Giovanissimi nazionali dell’Empoli, evidenziando una innata leadership tra i coetanei che gli è valsa spesso la fascia da capitano. Ha dovuto superare un brutto infortunio alla tibia, ma nella stagione seguente è comunque riuscito a ritagliarsi uno spazio fino ad approdare agli Allievi nazionali, squadra con la quale il 16 giugno ha disputato la finale del campionato italiano, persa 0–1 con il Milan. La prima convocazione in nazionale è arrivata nel maggio 2009, per un raduno a Coverciano e grazie al ct Antonio Rocca. A dicembre 2010 ha fatto parte dell’Under 16 nel tradizionale Torneo di Natale. Le sue esibizioni hanno persuaso Rocca a confermarlo nell’Italia Under 16 volata in Portogallo per disputare il Torneio da Federação Holandesa-Algarve (4-8 febbraio 2011). Un esordio internazionale che ha lasciato tutti a bocca aperta: 3 gol in 3 partite, prestazioni di gran livello tecnico e una disarmante nonchalance emotiva nel porsi come trascinatore degli azzurrini, con la fascia da capitano al braccio.

2011-12 - Convocato 3 volte nella nazionale di categoria, l’Under 17, diventa capocannoniere del campionato nazionale Allievi con 21 gol. Nella fase finale trascina i toscani all’epilogo scudetto segnando anche in finale il gol del momentaneo 1 a 1 contro la Sampdoria e sciupando un occasione per dare un indirizzo diverso al match. Arriverà quindi il ko ai calci di rigore (nei quali comunque inizia segnando la serie empolese).

Dicono di lui - Massimiliano Cappellini (direttore generale settore giovanile Empoli): “Talento allo stato puro, di grande prospettiva. Un brutto infortunio lo ha rallentato lo scorso anno. Ragazzo molto estroverso e allegro. La sua semplicità lo rende ben voluto da tutti i suoi compagni“.

Chi ci ricorda - Antonio Di Natale.

 

Da “La Giovane Italia 2012” di Paolo Ghisoni - Stefano Nava con Guido Maconi  (Stefano Olivari Editore)



|   |  









Talenti del Calcio