NICOLO' BARELLA

nicolo' barella

NICOLO’ BARELLA (Cagliari) - Nato il 7 febbraio 1997 a Cagliari. Altezza 1.75. Piede naturale: destro. Ruolo: centrocampista. 

Caratteristiche tecniche - Ragazzo di grande temperamento e personalità, in campo è un punto di riferimento per i compagni e un leader per la squadra. A centrocampo può ricoprire praticamente tutti i ruoli interni. Ha corsa e intelligenza tattica e grazie ai suoi trascorsi da attaccante è bravo anche negli inserimenti.

Dove migliorare - Nel tiro dalla lunga distanza deve essere più incisivo, visto che con il suo dinamismo arriva spesso in posizioni favorevoli per andare alla conclusione.

Note personali - Ha cominciato a giocare nella Scuola Calcio Gigi Riva, fondata dal grande campione. Nella stagione 2006-07 approda al Cagliari dove per due anni frequenta la scuola calcio della società sarda e poi entra nelle giovanili rossoblù. Il suo ruolo subisce un’evoluzione nel corso degli anni, arretrando progressivamente di qualche metro la sua posizione in campo, da trequartista a centrocampista puro. Un anno con i Giovanissimi provinciali è stato impiegato anche da attaccante. Due anni fa nei Giovanissimi regionali ha concluso la stagione con ben 17 gol all’attivo e l’anno scorso è stato promosso direttamente nei Giovanissimi nazionali dove pur essendo un anno più giovane si è conquistato una maglia da titolare e con la squadra ha sfiorato la qualificazione ai playoff. Sempre l’anno scorso si è tolto la soddisfazione di segnare un gol all’Inter. Nel giugno 2011 arriva anche la prima chiamata azzurra per il torneo Giovani Speranze riservato agli Under 15. Tifoso del Cagliari e simpatizzante interista, il suo idolo è Alessandro Del Piero. Ama anche il tennis, in particolare Nadal.

2011-12 - E’ il leader e il capitano dei Giovanissimi nazionali, che trascina al quarto posto in campionato che vale la qualificazione alle fasi finali. Chiude il campionato con all’attivo 8 gol, decisamente un ottimo bottino per un centrocampista. La sua stagione è stata impreziosita anche dalle chiamate in azzurro. Prima partecipa ad altri due stage fino alla doppia amichevole in Belgio nel febbraio 2012: gioca entrambe le partite vinte 4-0 e fa il suo esordio in azzurro il 21 febbraio prendendo il posto del milanista Felicioli dopo 50’.

Dicono di lui - Giorgio Melis (allenatore Allievi nazionali Cagliari): “Giocatore stroardinario, per fisicità e qualità. Me lo sono portato a fine stagione al torneo internazione Memorial Santoru (Cagliari) con squadre come Inter e Benfica e ha ben figurato, facendo due gol, pur essendo uno dei più giovani in assoluto. Come ruolo l’ho alternato fra trequartista che uomo davanti alla difesa. Giocatore di indubbio prospettiva per nostro settore giovanile”.

Chi ci ricorda - Esteban Cambiasso.

 

 

Da “La Giovane Italia 2012” di Paolo Ghisoni - Stefano Nava con Guido Maconi  (Stefano Olivari Editore)



|   |  









Talenti del Calcio